Con la i o senza i?

C’è un errore in questa frase?
“La beneficienza non è sufficiente.”
A. Sì, bisogna scrivere beneficenza senza i.
B. Sì, bisogna scrivere sufficente senza i.
C. No.
Continuate a leggere se, oltre alla risposta, vi interessa scoprire perché l’ortografia ha ragioni che alla ragione non sempre sembrano logiche (almeno a prima vista)

 

ortografia beneficenza/beneficienza sufficiente/sufficente

 

Risposta esatta: A. Beneficenza si scrive così, senza la i prima del suffisso -enza. (Notate che il correttore ortografico del computer e del cellulare possono ingannarvi: il mio non segna in rosso *beneficienza, che invece per il vocabolario è una forma evit., cioè da evitare, gravemente sbagliata.) Lo stesso vale per onorificenza (qui notate la prima i: la parola è onorificenza, non *onoreficenza). Invece parole come sufficiente, sufficienza, efficienza, scienza e coscienza (oltre che societàspecie, superficie) richiedono la i tra le c e la e (conoscenza no, lo sapete). Qual è la ragione di questa differenza? In Benvenuti a Grammaland, il professor Mangiafuoco lo spiega nella nota che segue.

Perché parole simili si scrivono in maniera diversa? Perché bisogna risalire alle origini. Molte parole italiane derivano dal latino, e in latino cognoscentia viene dal verbo cognoscere (conoscere), mentre scientia dal verbo scire (sapere), che ha la i nella coniugazione (il participio presente, per esempio, fa sciens; lo stesso vale per il derivato conscientia, da conscire). Beneficenza deriva dall’aggettivo beneficus (benefico) e onorificenza da honorificus (onorifico), con l’aggiunta dello stesso suffisso -entia (che in italiano è diventato -enza); invece nel caso di sufficienza o efficienza, il suffisso si innesta sui participi, sufficiens ed efficiens, dove c’è già la i, che rimane. Le parole italiane società, specie e superficie si scrivono così perché le loro antenate latine societas, species e superficies avevano la i in quelle sillabe.

Ma non possiamo semplificare e, dato che quelle i in italiano non si pronunciano (in latino sì), eliminarle? Chi decide le regole della grammatica? Le regole le decide l’uso, e l’uso attuale, quello registrato dai vocabolari, continua a stabilire che sufficiente va scritto con la i e beneficenza no. Converrà tenerlo a mente. Nel dubbio: aprite il vocabolario.

 

TRATTO DA BENVENUTI A GRAMMALAND E DA LE CARTE DELLA GRAMMATICA

4 Commenti
  • Giovanni Iannacchio
    Rispondi

    Bel gioco! Può essere utile a tutti. Io sono un ragazzo di 14 anni e ogni settimana verrò sul tuo blog a fare il quiz della settimana. Ti faccio tanti auguri.
    Giovanni Iannacchino

    2 giugno 2016 at 12:03

Invia un commento